Grotta con la cappella di Sant'Antonio

Sin dai tempi antichi, gli esseri umani hanno usato oggetti speleologici per le abitazioni. Il rilievo carsico che è caratteristico dell'intera Croazia costiera per la sua solubilità è estremamente ricco di caverne e grotte. Poiché questa regione è ricca di acqua nelle grotte vicino ai corsi d'acqua, e specialmente nei canyon di Krka e Čikola, ci sono tracce di popolazione che spesso risalgono all'età della pietra.

Con l'avvento del cristianesimo, iniziò la costruzione di chiese, monasteri e cappelle nella regione. Sono stati costruiti in una varietà di luoghi e oggi sono le decorazioni in paesaggi naturali.

La maggior parte dei viaggiatori attraverso il canale di Sant'Antonio verso la città di Šibenik non sospetta che ci esiste un interessante oggetto speleologico nascosto tra le rozze rocce del canale - la grotta di Sant'Antonio. La particolarità di questa grotta oggi non sono né le decorazioni della grotta né le specie endemiche, ma una piccola chiesa situata nella grotta, nel mezzo del canale, sulla costa sud-orientale nella grotta omonima. Vale a dire, la grotta prende il nome da Sant'Antonio abate, l'eremita che visse nell'attuale Egitto dal 251 al 356. Molti eremiti hanno vissuto nella grotta per secoli, uno dei quali è il famoso nobile di Zara, Girolamo Detrico, che fu sepolto in questa grotta nel 1615.

Vicino al tunnel del mare e alla grotta di Sant'Antonio, c'è un molo restaurato per accogliere le barche.

Copyright © 2021. Izrada web stranica i razvoj web shopa: Play Digital